Salone di Ginevra seconda parte

Ecco la seconda parte delle auto del Salone dell’auto di Ginevra viste dal Garage del Faso. Ho seguito lo stesso format della prima parte: i marchi in ordine alfabetico da Fiat a Pagani.

FIAT

124 Spider: esposta in versione definitiva la 124 Spider. Derivata dalla Mazda MX-5, la scoperta di Fiat si prepara per l’estate. Belli i cerchi che riprendono quelli della 124 di cinquant’anni fa, avrebbero potuto essere di dimensioni più generose, gli anni ’60 sono finiti da un pezzo.

fiat 124 cerchio
Fiat 124 Spider. Il cerchione.

Tipo SW: la Tipo finalmente è arrivata in versione Station Wagon, sicuramente più vendibile della berlina sul mercato italiano. Fiat dopo anni di assenza torna ad avere la famigliare.

tipo station wagon
Fiat Tipo SW

Tipo 5 porte: per non farsi mancare niente la Tipo è presentata anche in versione due volumi o come si usa dire adesso: hatchback. L’evoluzione della Bravo punta a far concorrenza alla Golf. OK Fiat continua a sognare.

tipo 5 p
Fiat Tipo 5 porte

Fullback: tra i veicoli commerciali ecco il pick-up è semplice come staccare il marchio Mitsubishi dal vecchio L200 e metterci lo stemma Fiat. Il veicolo avrebbe dovuto chiamarsi Toro…chissà come mai ci hanno ripensato. No comment.

fiat full back
Fiat Fullback

 

Hyundai

Ioniq: design avveniristico e 3 versioni per la nuova antiPrius: ibrida, ibrida ricaricabile e totalmente elettrica. Il marchio coreano è lanciato e vorrebbe convertirsi all’ibrido.

hyundai ioniq
Hyundai Ioniq Electric

Honda

NSX: dai videogiochi alla strada è tornata NSX. Questa volta al motore temico da 500 CV si uniscono 3 motori elettrici da 73 CV. Di serie è troppo sempice, secondo me sarà più bella con gli alettoni e le aerografie stile Fast and Furios. Tre alimentazioni? Benzina, elettricità e NOS.

honda nsx
Honda NSX in America sarà Acura

Italdesign

GTZero: nella matita e nel cuore di Filippo Perini, ex capo del design Lamborghini, sono rimaste ancora le vetture del Toro. Perini sale in cattedra di Italdesign al posto del Maestro Giorgetto Giugiaro e vuole ricominciare da zero, anzi, da GTZero. Elettrica, quattro posti e sportiva già proiettata verso il futuro in pieno stile Italdesign.

 

italdesign gtzero
Italdesign GTZero
interni gtzero
gli interni di GTZero

Lamborghini

Huracán LP580-2: la versione a trazione posteriore della Huracán fa bella mostra di sé allo stand del Toro. Rosso Mars per la carrozzeria a sottolineare l’italiana sportività.

huracan lp580-2
Lamborghini Huracán LP580-2

Centenario: omaggio per i cento anni dalla nascita di Ferruccio Lamborghini è esposta per la prima volta al pubblico la Centenario. Saranno 40 gli esemplari previsti di cui 20 coupè e 20 roadster già tutti venditi. Emozionante come sempre e magnifica in ogni suo dettaglio. Complimenti Lamborghini.

lamborghini centenario
Lamborghini Centenario LP770-4

Huracán LP610-4 Avio: saranno 250 le Huracán dedicate all’Aeronautica italiana. La colorazione esterna seguirà quella degli aeroplani del passato e dentro sarà tutto alcantara. Tutte le vetture avranno il numero progressivo e il logo L63 anno di fondazione della Casa del Toro.

huracan avio
Lamborghini Huracán LP610-4 Avio

 

Koenigsegg

Agera Final: come suggerisce il nome, ecco la fine delle Agera, questa è una versione speciale in 3 esemplari a celebrare il modello più famoso della casa svedese.

koenigsegg agera
Koenigsegg Agera Final

Regera: ecco l’erede della Agera. Koenigsegg produrrà da adesso in poi la sua hypercar da 1100 CV termici e 400 CV elettrici. Con una potenza devastante e con delle tecnologie fino a pochi mesi fa impossibili per una casa automobilistica artigianale Regera entra di diritto nell’Olimpo delle auto. Koenigsegg era conosciuta per il nome impronunciabile e le portiere che si aprono sfidando la forza di gravità ora verrà ricordata finalmente anche per le sue auto. Pagani e Koenigsegg stanno facendo passi da gigante: bravissimi.

koenigseg regera
Koenigsegg Regera

Land Rover

Range Rover Evoque Convertible: la più modaiola delle Land Rover si scopre per l’estate grazie ad una capote in tela dall’apertura elettrica. Nulla di nuovo, i fuoristrada nascono con il tetto in tela.

evoque convertible
Range Rover Evoque Convertible

Lexus

LF-FC: Il marchio premium orientale per eccellenza, vuole puntare al lusso più sfrenato con la concept LF-FC anticipando quella che sarà la futura berlina Lexus. Tantissima tecnologia: comandi gestuali per la plancia e due motori elettrici alimentati ad idrogeno. Lexus è la prima casa automobilistica ad avere tutta la gamma full hybrid, per loro il futuro è già arrivato.

lexus lf-fc frontale
Lexus concept LF-FC
lexus lf-fc
l’interno super lusso della Lexus LF-FC

 

Lotus

3-Eleven: sempre meno peso e sempre più potente questa è la filosofia di Lotus. 3-Eleven è una vettura da circuito utilizzabile sulle strade di tutti i giorni, per bruciare le altre auto al verde del semaforo.

Lotus
Lotus 3-Eleven

Maserati

Levante: è messo su una piattaforma inavvicinabile ecco Maserati Levante il SUV del Tridente. Motori benzina o diesel sono da 3.0 di cilindrata. Per i più sportivi c’è Levante S con 430 CV. Contestata e criticata, però non è ancora in produzione: magari ci ripensano.

maserati levante
Maserati Levante
maserati levante baule
Maserati Levante. Il baule.

 

McLaren

570GT: La casa automobilistica inglese sospende per un attimo la sua tradizione di vetture sportive ed estreme per dedicarsi al lusso e al confort. La 570GT è ispirata al mondo delle vetture Gran Turismo: sopra al cofano è stato creato un baule prolungando il vetro del tetto fino all’alettone estraibile posteriore. Sono 150 i litri di capienza del baule anteriore e 220 litri in aggiunta dietro, basteranno per le valigie di un weekend in coppia?

mclaren 570gt
McLaren 570GT

Morgan

3 Wheeler: c’è chi presenta conceptcar che anticipano il futuro e chi come Morgan rievoca in suo modello i fasti del passato. L’unica auto d’epoca in produzione oggi ha 3 ruote a raggi e la carrozzeria riprende la forma della carlinga di un vecchio aereo.

morgan
Morgan 3 Wheeler

Pagani

Huayra BC: la Regina del salone Salone, secondo me, è una delle 20  Huayra BC dedicate al primo cliente di Pagani.  La casa emiliana ha pensato anche per chi non è tra i venti fortunati clienti con il Pacchetto Tempesta studiato con Dallara: nuove appendici aerodinamiche, nuovi cerchi e nuove sospensioni. Tempesta è applicabile sia alle future Huayra sia a quelle già consegnate.

pagani huayra bc
Pagani Huayra BC
pacchetto tempesta
Paganni Huayra con il Pacchetto Tempesta

Quale vi è piaciuta di più?       Questa è la seconda parte: da Fiat a Pagani…presto anche le altre.

Se l’articolo ti è piaciuto, condividilo su Facebook e metti il like sulla pagina de Il Garage del Faso.

Precedente Salone di Ginevra prima parte Successivo Salone di Ginevra terza parte