BMW next 100 e Prova su strada: BMW X4

BMW compie 100 anni e per festeggiarli organizza la festa al Tempio della Velocità: l’autodromo di Monza. La manifestazione si è svolta dal 23 al 25 settembre. Durante quei giorni, oltre che ammirare centinaia di vetture nei modelli che hanno la storia di BMW, dopo una lunghissima coda, era possibile guidare tutta la gamma attualmente in produzione.

Visto il numero di persone in fila per la gamma M e idrive ho deciso di testare l’ X4 sul percorso in fuoristrada ricavato all’interno del circuito.

La versione provata era xDrive20d da 190 CV di colore rosso, ottima scelta cromatica per un’auto, dotata del pacchetto Msport.

anteriore bmw x4
il frontale della BMW X4.

Esternamente l’X4 è un SUV di medie dimensioni con la carrozzeria “coupè”, come la moda impone, cioè con la parte posteriore del tetto che scende per raccordarsi al paraurti dietro. Davanti la linea è il solito family feeling BMW: che la fa riconoscere alla prima occhiata come un’auto appartenente alla casa dell’elica, ma purtroppo la mescola gli altri modelli X. Lateralmente la linea di cintura è molto alta e grazie ai finestrini bassi è accentuato l’effetto di vettura incollata alla strada. Dietro X4 è sportivo con un taglio netto della carrozzeria, quasi a coda tronca, che lo fa sembrare ancora più sportivo. Il bagagliaio, pur avendo una forma più tipica da berlina che da SUV, è spazioso e per nulla sacrificato.

baule x4
Il baule dell’X4 è capiente nonostante la forma coupè della carrozzeria.

L’interno è lussuosissimo e ci si sta anche in cinque pure per un lungo viaggio. I sedili sono super comodi e davanti riprendono la forma di quelli sportivi BMW. I passeggeri dietro hanno a disposizione un vero e proprio divano con tanto spazio per le gambe.

Gli elementi nel quadro strumenti sono perfetti: analogici, di grandi dimensioni e di semplice lettura. La leva del cambio ha una forma strana, anche se già al primo utilizzo, ci si accorge di quanto è stata studiata per essere ergonomica. Il volante è rotondo di dimensioni adatte sia a una guida sportiva che in manovra. Bellissima la rotella per comandare l’infotainment e la navigazione: velocissima nel selezionare le funzioni e precisa come il puntatore del mouse di un PC.

interno X4
L’interno della X4 è il giusto mix di eleganza e sportività.

Come si guida il BMW X4?  

La posizione di guida è ottima, alta quanto basta da infondere la sensazione di dominio della strada. La visibilità è perfetta perché si ha il pieno controllo di tutti gli ingombri dell’auto soprattutto dietro nonostante la forma della carrozzeria. La chiave è elettronica basta averla addosso per aprire le portiere e dare il consenso dell’accensione del motore tramite il pulsante sulla plancia. La marcia Drive si inserisce premendo il pedale del freno e schiacciando il pulsante sulla punta del cambio spingendolo tutto indietro. Appena si molla il freno l’X4 scatta subito in avanti e senza spingere troppo sull’acceleratore si arriva rapidamente a 70 Km/h senza accorgersene.

La versione provata montava l’ Head-Up Display un proiettore che permette di visualizzare tutte le informazioni e i dati di viaggio direttamente sul vetro davanti agli occhi del guidatore, come se fossero a 2 metri e mezzo di distanza. L’Head-Up  Display può fornire in tempo reale e contemporaneamente: la velocità istantanea, il limite di velocità, tutti i dati del cruscotto, le indicazioni del navigatore satellitare, l’infotainment e addirittura l’elenco della rubrica del cellulare connesso. Chi guida può decidere quali info avere a disposizione e come proiettarle. L’Head-Up è un accessorio che non avevo mai visto funzionare e l’ho trovato comodissimo perché leggendo i dati come se fossero scritti sulla strada non si perde mai l’attenzione nella guida.

head up display
Head-Up Display proietta le informazioni sul vetro davanti al guidatore.

Il cambio è un automatico ad otto rapporti, guidando non ci si accorge nemmeno dei cambi di marcia da tanto è rapido e preciso. In modalità automatica vengono privilegiati i rapporti alti in maniera tale da contenere i consumi, questo però non influisce sulla reattività, infatti basta premere un po’ sul gas per avere una risposta immediata e cattiva dall’X4.

Se si vuole una guida sportiva e soprattutto gestire le marce basta usare il sequenziale tramite la leva del cambio o i comodi paddle dietro al volante per sentirsi come un vero pilota inserendo anche l’ottava.

Sull’asfalto è OK, ma il test drive era offroad quindi vediamo come se la cava in Fuoristrada: nella parte interna dell’Autodromo di Monza avevano creato un percorso sterrato per far conoscere le doti fuoristradistiche della gamma X. La BMW X4 si muove velocemente sullo sterrato e le asperità vengono cancellate dalle sospensioni elettroniche che, riconoscendo il fondo instabile, alzano da terra la vettura. All’interno dell’abitacolo non si sentono i rumori, nemmeno quelli causati dagli pneumatici stradali calzati su enormi cerchi in lega, che poco si adattano a sassi e buche.

plancia x4

Nei tratti di sterrato a forte pendenza laterale, si rischia di toccare sotto grattando il pianale, ciò è dovuto all’altezza da terra non da vettura fuoristrada estrema, questo però non pregiudica l’utilizzo dell’X4 anche sulle stradine di montagna.

Il modello provato montava il Surround View un optional da 760 € formato da sei telecamere grandangoari che riprendono a 360° attorno all’auto. Le immagini vengono riprodotte sullo schermo centrale in cui è inquadrata l’X4 vista dall’alto. Il sistema è molto più efficace dei sensori di parcheggio o telecamere posteriori perché vengono segnalati anche ostacoli laterali e buche del terreno.

surround view
Il Surround View proietta la vettura vista dall’alto con un’ampia zona di terreno circostante.

Il test drive è stato pensato per dimostrare le doti fuoristradistiche della gamma X, per questo era prevista una zona con ostacoli artificiali tipo twist in cui l’auto fa presa solo con due ruote alla volta diagonalmente. Negli eterni secondi in cui l’X4 resta in bilico si sente il lavoro delle sospensioni che da un assetto rigido e sportivo si rialzano per fare in modo di mantenere un elevato confort anche quando una ruota sollevata si riappoggia scaricando su di se tutto il peso dell’auto.

posteriore X4
Nella vista posteriore della BMW X4 si nota la forma quasi da coupé del tetto.

Eseguire un passaggio in twist con la BMW X4 è semplicissimo: basta controllare la direzione con il volante e dare un filo di gas, l’auto grazie ai suoi ausili elettronici penserà a tutto il resto. Penso che sei anni fa per fare la stessa cosa serviva un piccolo corso per imparare a gestire: cambio, acceleratore, freno e spazzi disponibili.  La sensazione di farsi guidare dall’auto è molto simile a quella di una guida autonoma.

BMW si fida molto della sicurezza dei suoi sistemi di assistenza, infatti permette di usare un’auto da 74’000 € su un percorso con trick da offroad estremo anche a persone che normalmente guidano utilitarie e si improvvisano piloti per un giorno, pur non avendo la minima conoscenza fuoristradistica.

Il giudizio finale è: X4 è comodissimo, lussuoso e ha un comportamento quasi da sportiva stradale. Questa BMW non è adatta a percorsi offroad estremi, ma riuscirebbe a cavarsela bene per raggiungere una baita in montagna con una strada innevata o un casolare tra le colline toscane alla fine di un lungo sterrato.

Cosa ne pensate della BMW X4? I SUV vendono perché sono la moda del momento oppure rispondono alle esigenze dei clienti?

Se l’articolo ti è piaciuto, condividilo su Facebook e metti il like sulla pagina de Il Garage del Faso.

 

 

 

Precedente News: Ferrari GTC4Lusso T e 488 Speciale Successivo BMW next 100 e Prova su strada: BMW X5