News: Ferrari 488 GTB

Novità: la nuova Ferrari 488 GTB.

Annunciata e chiacchierata già da qualche tempo, è stata presentata in anteprima la nuova “piccola” Ferrari, prima della presentazione ufficiale che avverrà al prossimo Salone di Ginevra.

ferrari-488
la nuova Ferrari 488 GTB

 

Derivata dalla 458 Italia la nuova 488 GTB si pone a un gradino superiore rispetto ai modelli passati in fatto di prestazioni. Il suo motore relativamente piccolo, di 3.902 cm3, sprigiona una potenza incredibile, 670 CV, grazie al turbo, già testato sulla California T.

Nuovo è anche il cambio che utilizza un sistema chiamato Variable Torque Management, che eroga la coppia in modo continuo e crescente, dando la sensazione di stare su una macchina in costante accelerazione.

L’aerodinamica è ristudiata da zero: nuovo è lo spoiler anteriore doppio e nuove sono le prese d’aria laterali, chiamate base bleed. Il fondo della vettura è aerodinamico per incollare la macchina alla strada con addirittura dei generatori di vortici. Per capire come funziona questo sistema dovete immaginare un vento che preme l’auto tenendola a contatto del terreno, producendo il 50% di “peso” in più rispetto a quello della 458 Italia, rendendo la 488 più stabile.

 

488 dietro
il posteriore della 488 GTB con il motore esposto dietro al vetro

Il posteriore è basso e largo, tipico di ogni vettura del Cavallino con motore posteriore, nuovo è l’alettone “soffiato” nella parte superiore che crea un flusso aerodinamico verticale che sfocia in due bocche attive messe attorno ai due scarichi rialzati.

Il vero cuore della macchina è chiaramente il motore che fa bella mostra di sè dietro al vetro ed ecco le sue caratteristiche:

V8 – 90° Turbo
Cilindrata 3.902 cm3
Potenza massima 492 kW (670 CV) a 8000 giri/min
Coppia massima 760 Nm a 3000 giri/min

Prestazioni come sempre da VERA  Ferrari

Ecco i dati di cui vantarsi con gli amici:

Velocità massima maggiore di 330 km/h
Accelerazione 0-100 km/h 3,0 secondi (contando fino a 3 partendo da fermi siete a 100 all’ora)  e 0 -200 km/h in 8,3 secondi
Dimensioni così potete vedere se vi ci sta nel garage:
Lunghezza 4568 mm
Larghezza 1952 mm
Altezza 1213 mm
Peso 1370 kg
Distribuzione dei pesi è al 46,5% sull’anteriore e 53,5% al posteriore.

Consumo: anche se per una Ferrari non è di fondamentale importanza.
11.4 litri di benzina per fare 100 km

Emissioni:
260 g di CO2 ogni chilometro

Dentro com’è? Due posi secchi e sportivi, tutti i comandi rivolti verso il conducente o meglio il pilota. Tutto quello che ci si aspetta da una Ferrari: l’essenzialità.

interno 488
L’interno della 488 GTB tutti i comandi sono rivolti verso il pilota

 

Come sempre sono motissimi i pulsanti sul volante, superano di poco quelli sul cruscotto, comodi perchè si ha tutto a portata di mano, ma scomodi per chi non è abituato a girare in pista e usa quest’auto sulle strade cittadine, cioè il 98% dei clienti.

La fonte di ispirazione della 488 GTB, si dice sia la 308 GTB. Personalmente non trovo nessuna somiglianza tra i due modelli, se non minima nelle prese d’aria dietro le portiere e i fari tondi posteriori. L’unico punto in comune è la sigla GTB e il motore turbo.

 

Ferrari_308GTB_vetroresina_red-black_side
Ferrari 308 GTB del 1975

 

La sigla GTB è l’acronimo di Gran Turismo Berlinetta ed è l’unione di due tipi di carrozzerie differenti. Con la terminologia Gran Turismo si intende un’auto e due porte con una linea molto aerodinamica, nella maggior parte dei modelli il motore è davanti e il bagagliaio è abbastanza capiente. La tradizione vuole che il baule possa contenere due sacche da golf. Definire questa 488 una Gran Turismo è sbagliato, perchè il motore è posteriore.

La carrozzeria tipo Berlinetta indica una vettura supersportiva che per poter correre nelle gare è stata anche prodotta in una piccola serie stradale. Di solito le Berlinetta sono coupè italiane due posti, questo è un termine che contraddistingue molte vetture a marchio Ferrari.

Il difetto di quest’auto è la carrozzeria troppo datata, montata per la prima volta nel 2000 sulla 360 Modena, poi sulla F430, in seguito sulla 458 Italia, ed ora riproposta sulla 488 GTB. Bell’auto, sì! Ma quando si lancia un modello nuovo ci vuole creatività, bisogna stupire il pubblico e non portare avanti lo stesso disegno per 15 anni, altrimenti si rischia di cadere nel banale.

360-430-458
in primo piano nell’ordine la 360 Modena, la F430 e la 458 Italia si nota che esteticamente le auto sono molto simili alla 488 GTB

 

Cosa ne pensate di questa nuova Ferrari? Il turbo nel motore è valido? Seguendo il filone 308 GTB…anche la versione aperta della 488 sarà GTS Gran Turismo Spider che in realtà aveva una carrozzeria di tipo targa?

Questo articolo è per il mio amico Antonio: grande appassionato di auto, ferrarista convinto che tratterà l’aerodinamica di una futura vettura a quattro posti di Maranello nella sua tesi di laurea.

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo su Facebook.

Precedente Alfa Romeo 4C e 4C…spider? Successivo Top Ten: le auto giuste per far colpo