Toyota Yaris GR

L’ultima versione della Yaris è una Vera Gruppo B: appartenente a la categoria di auto che, nei rally anni ’80, avevano raggiunto potenze così elevate da essere considerate illegali.

La Yaris GR “stradale” è comunque un’auto da competizione e non sfigura vicino alla sorella WRC.

Derivata dalla recente GRMN ora si incattivisce ancor di più e si proietta verso il mondo rally. Fuori è tutta nuova: bassa, larga e con l’impronta giusta a terra per affrontare ogni tipo di terreno. Le prese d’aria anteriori arrivano dal campionato WRC. La carrozzeria torna ad essere tre porte, nonostante la Yaris ora sia solamente cinque. La scelta è stata adottata per aumentare la rigidità dell’auto in curva. Il tetto è in fibra di carbonio a vista, nemmeno fosse pronta a divorare l’asfalto di una pista.

La Yaris GR è stata studiata per ogni tipo di terreno, soprattutto lo sterrato tipico dei rally.

Dietro è un’auto da competizione: passaruota allargati, estrattore aerodinamico e due scarichi che possono dare libero sfogo al motore. Sotto al cofano della piccola Yaris c’è un 3 cilindri da 1’600 cc con l’incredibile potenza di 261 CV. La GR pesa solo 1’280 Kg quindi l’accelerazione da 0 a 100 Kg/h in 5,5 secondi.

Come per ogni auto da rally che si rispetti, oltre al motore, Toyota espone anche il sistema di trazione GR-4.

 

Come la mitica Celica anche la Yaris monta la trazione integrale denominata: GR-4. In condizioni normali è ripartita al 60 anteriore e 40 posteriore per poi modificarsi al 30 davanti 70 dietro con la modalità sport. Da vera auto da rally ha la possibilità del 50 e 50 sugli assi selezionando “pista” adatta soprattutto a sterrati e fondi dissestati. Il cambio è rigorosamente manuale.

Ordinando il Pacchetto Circuit si aggiungono i differenziali Torsen e cerchi in lega maggiorati. L’interno resta simile a quello della Yaris GRMN con l’aggiunta di sedili ancor più sportivi.

Nella parte posteriore la Yaris GR ha un vecchio ricordo della prima Lancia Delta INTEGRALE.

La piccola Toyota è già pronta per farvi provare tutti i giorni le emozioni di una gara di rally. Il prezzo è già fissato in 35 / 40 mila euro.
Cosa pensate di questa Toyota Yaris GR? Può essere considerata una Gruppo B del 2020? C’è qualcosa di migliore nel parco automobilistico?

Se l’articolo ti è piaciuto, condividilo su Facebook e metti il like sulla pagina de Il Garage del Faso

Precedente Aston Martin DBX Successivo Alfa Romeo Giulia GTA e GTAm

2 commenti su “Toyota Yaris GR

  1. The Stig il said:

    Mi è molto piaciuto l’articolo che questa volta è ricaduto non su una super/hypercar ma su un’auto che, almeno nella sua versione civile, siamo abituati a vedere sulle nostre strade.
    La approvo come esercizio di stile e come bandiera sventolata dai giapponesi per fare capire che sono davvero capaci di infarcire di tecnica in puro stile racing una piccola sotto i 4 metri.
    Le dotazioni corsaiole non mancano così come una tecnica di prim’ordine!
    Omologata come stradale temo però che non avrà una grande diffusione almeno sulle nostre strade per via di: prestazioni esagerate che non si addicono alla nostra attuale viabilità/limiti stradali; un prezzo fuori mercato (mi ricorda la 500 tributo Ferrari con i suoi 40k€); un motore probabilmente molto fragile dato il rapporto peso potenza; una praticità d’uso non proprio meravigliosa visto lo scars(issim)o comfort che riserva agli occupanti e non da ultimo un estetica che se da una parte la incattivisce, dall’altra a mio avviso risulta perfino esagerata.
    Detto questo rimane un monito a tutti i costruttori che pensano di avere la migliore hot-hatch a listino.
    Toyota c’è, mancava da troppo tempo e ha fatto un gran lavoro!
    Complimenti per l’articolo!
    Sarà che queste piccole auto sono alla portata teorica dei più, ma ciò le rende simpatiche e fanno sognare senza entrare nel campo del proibito!

    • ilgaragedelfaso il said:

      Grazie mille The Stig! Sei sempre sul pezzo quando si tratta di novità. Sono pienamente d’accordo che Toyota con questa Yaris GR ha fatto un ottimo lavoro e spero che questa piccola peste non verrà sottovalutata. Davvero PAZZESCA! ciao

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.