STUDIOTORINO Moncenisio

Questo non è un semplice modello di auto, ma è un’idea nata dalla voglia di stupire e di migliorare ciò che è già perfetto. L’azienda italiana STUDIOTORINO, evoluzione della Carrozzeria Stola, ha deciso di creare alcune furiserie.

studio-torino-moncenisio-03
STUDIOTORINO Moncenisio

Con il termine fuoriserie si indica un’autovettura presente sul mercato, appunto di serie, alla quale sono state fatte variazioni e migliorie per aderire alle richieste del proprietario. Le modifiche vengono effettuate da carrozzerie specializzate che possono applicarne anche il marchio e garantire l’omologazione per circolare sulle strade.

Partendo da una Porsche Cayman S, la Studiotorino ha creato Moncenisio per rendere unica una vettura che essendo la entrylevel di casa Porsche ha bisogno di essere contraddistinta dalla massa.

Il nome Moncenisio deriva da un passo alpino della Val di Susa sulla cui strada si disputava un’antica corsa automobilistica la Susa-Moncenisio.

studio-torino-moncenisio-02
L’azzurro della carrozzeria si propaga anche agli interni della Moncenisio

L’auto si fa notare per il colore della carrozzeria un azzurro intenso che prende ispirazione da quello del lago sul Colle Moncenisio. La particolare vernice ravviva le forme di un’auto che sulle strade è presente in nero o grigio, colori che di certo non ne esaltano le linee. Esternamente rispetto alla Cayman S di serie le prese d’aria anteriori, quelle laterali e tutta la parte posteriore dell’auto hanno subito variazioni. All’interno pelle pieno fiore di altissima qualità è stata utilizzata per rivestire l’abitacolo, tutte le cuciture e gli intagli sono stati realizzati a mano come in sartoria.

studio-torino-moncenisio-01
Il caratteristico serbatoio anteriore Porsche ha ora un tappo relizzato da un unico pezzo di metallo

Capolavori artigianali sono i bellissimi cerchi in lega scomponibili, il terminale di scarico e il tappo del serbatoio realizzato forgiando un unico pezzo di metallo.

Il motore rimane l’originale:

Boxer 6 cilindri
Cilindrata 3.436 cm3
Potenza massima 325 CV 370 Nm
Velocità massima 281 Km/h Accelerazione 0-100 km/h in 4,7 sec

Ne volete una? Ne faranno in totale 19 ma su richiesta non diranno di no a qualche vettura in più occhio a prezzo: prima bisogna comprare al Porsche Cayman S PDK a 69’755 € più vanno sommate le modifiche di Studiotorino circa 175’000 € il prezzo giustifica un oggetto unico.

2014-studiotorino-moncenisio
Rispetto alla Porsche Cayman, la parte posteriore di Moncenisio è stata completamente rinnovata

Bella idea la Studiotorino Moncenisio, la apprezzo molto, forse una spinta in più al motore sarebbe stata gradita. E voi cosa ne pensate? Vi fareste costruire una fuoriserie?

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo su Facebook e metti il like sulla pagina de Il garage del Faso.

 

 

 

Precedente Top Ten: le auto giuste per far colpo Successivo News: I concept di Aston Martin

2 thoughts on “STUDIOTORINO Moncenisio

  1. The Stig il said:

    Gran bell’articolo di nicchia!
    Questo vuol dire essere appassionati a 360º! Complimenti!!!
    L’auto però non mi entusiasma un granché, carine le modifiche (ad un prezzo esorbitante) e gradevole l’idea, come dici tu, di rendere l’auto unica scrollandole di dosso quella parvenza di “vorrei la 911 ma non posso”.
    Peccato, davvero, che abbiano scelto per la trasformazione delle soluzioni stilistiche, ma soprattutto di colori, che richiamano enormemente la 911 Speedster. Anch’essa a tiratura limitata, con la stessa voglia di distinguersi ma ad un prezzo molto inferiore globalmente a quello della Moncenisio e con un risultato credo oggettivamente di altro livello.
    Mi pare quindi che abbiano preso a spunto forse un po’ troppo da quel progetto, con l’aggravante di partire da una donor car certamente non così personale e non entrata negli annali della storia dell’auto.

    Le trasformazioni che adoro e che potendomele permettere farei, sono molto più radicali e mettono mano pesantemente alla meccanica, alle carreggiate, al passo del veicolo e alle forme della carrozzeria….
    Se penso alla 8C -> Disco Volante, mi viene da spalancare la bocca e rimanere senza parole dall’emozione e dalla bellezza; qui invece rimango piuttosto indifferente!
    Tuttavia: de gustibus…

    • ilgaragedelfaso il said:

      Ciao The Stig: grazie mille perchè segui assiduamente la mia pagina e i tuoi commenti sono da vero da intenditore.
      Premetto che le Porsche non sono il mio genere di vettura ideale e nemmeno le derivate, ma questa auto si è meritata un articolo perchè l’idea della fuoriserie italiana mi ha sempre afascinato. Sicuramente Moncenisio ha poco in comune con Disco Volante, che penso sia uno dei più recenti capolavori della Carrozzeria Italiana e per questo concordo con te. Touring ci sa fare e credo che le sue fuoriserie ora come ora siano le migliori. Disco Volante riprende una vettura del passato attualizzandola, facendo capire che Touring nel 1952 non era una carrozzeria di pazzi visionari, ma avevano un’idea precisa di come sarebbero state le auto del futuro. Senza dubbio Disco Volante è venuta bene perchè la base di partenza 8C Competizione è più che buona. In questo Salone di Ginevra ho apprezzato Berlinetta Lusso, un bel modo di migliorare una vettura che già di per sè è perfetta come solo Ferrari è riuscita a fare con la F12 Berlinetta. Sono contento che il mio pezzo ti sia piaciuto e prometto che in futuro ne farò altri relativi ai carrozzieri.

I commenti sono chiusi.