Pagani Imola e Pagani Huayra Roadster BC

Il Genio di Horacio Pagani ha creato una serie di cinque vetture estreme chiamate Imola. Le auto prendono il nome dal circuito italiano su cui il muletto ha percorso ben 16’000 chilometri che equivalgono a 3 delle 24 Ore di Le Mans. L’aerodinamica attiva della Huayra “normale” è stata incrementata con profili alari da competizione, anche se l’auto è perfettamente omologata per girare su strada.

La Pagani Imola è stata perfezionata sul tracciato Emiliano, ma è omologata per la circolazione.
La scritta Imola riprende la forma del tracciato, subito sotto c’è il numero progressivo dell’esemplare: 3 di 5.


Sotto al cofano ci sono 
830 CV con prestazioni da Hypercar grazie al peso contenuto in 1’240 Kg come una Ford Fiesta. La leggerezza è stata ottenuta alleggerendo e lavorando il materiale senza togliere componenti. Ogni Imola è contraddistinta da una targhetta ed anche dalla scritta con la forma del tracciato, idea che ricorda molto quella della Miura.

Saranno 5 in totale le Imola, di cui 3 già prodotte, a 5 milioni di Euro l’una. Leggenda vuole che siano state commissionate da un unico cliente russo, ma Pagani tiene il massimo segreto dei suoi clienti come giusto che sia. Che bello sarebbe però averle tutte e cinque in garage con l’imbarazzo della scelta.

Non è un’auto elegante, è un’auto sportiva. Così Horacio ha definito la sua Imola.

 

Altra auto che avrebbe dovuto essere presente allo stand di Ginevra è la Huayra Roadster BC, derivata dalla Huayra BC in tipologia senza tetto. Questa versione non avrebbe dovuto esserci, ma molti clienti, forse più di 30, avevano già lasciato un acconto per una BC Roadster sognandola in anticipo. L’auto monta un nuovo motore V12 AMG che verrà utilizzato per le future Pagani. Saranno 40 le BC Roadster, il doppio delle coupè, come da tradizione riservate a chi è stato già un cliente Pagani. Le lettere BC stanno per Benny Caiola, primo cliente perché è la persona che prima di tutte ha creduto nel sogno di Horacio di realizzare supercar artigianali.

Da una precisa richiesta dei clienti è arrivata anche la Pagani Huayra Roadster BC. C’erano i numeri per avviarne la produzione in serie limitata.

 

L’auto è stata completamente rivista dal punto di vista meccanico ed aerodinamico. Le prestazioni della Huayra Roadster sono state amplificate: il motore è tutto nuovo ha 802 CV e l’alettone fisso garantisce un carico di 500 Kg di downforce a 280 km/h. La guida è stata ottimizzata soprattutto per le andature stradali. Pirelli è stata d’aiuto creando pneumatici dedicati alla vettura per esaltarne le performance.

La Pagani Huayra Roadster BC si distingue per l’alettone fisso e per la striscia lungo la carrozzeria.
Materiali all’avanguardia ad eccezione del pomello del cambio. Di legno come sulle auto da corsa storiche.

 

Come per la coupè la Roadster BC si distingue per l’enorme alettone posteriore e striscia colorata lungo tutta la carrozzeria. I materiali e le rifiniture, come sempre, sono maniacali: una tra tutte il pomello del cambio in legno ripreso dalla Porsche Carrera GT; considerato in anni storici come superleggero.

Auto fenomenali che sono opere d’arte del Made in Italy, costruite a mano con una cura estrema. Sarà impossibile avere in garage sia la Imola che la Huayra Roadster BC. Occorrerà aspettare il progetto C10: il nuovo modello Pagani.

Cosa ne pensate della Pagani Imola e della Huayra Roadster BC? 

Se l’articolo ti è piaciuto, condividilo su Facebook e metti il like sulla pagina de Il Garage del Faso.

Precedente Koenigsegg Gemera Successivo Bentley Mulliner Bacalar

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.