Ferrari SF90 Stradale

Ferrari cede alla moda dell’elettrico e dell’andatura ad emissioni zero. La nuova del Cavallino si chiama SF90 Stradale: le lettere SF sono le iniziali per ricordare i novant’anni di fondazione della Scuderia Ferrari e Stradale indica che la vettura è derivata dall’esperienza nelle corse.

Ferrari SF90 Stradale. Peccato che lo sguardo anteriore sembra quello di una McLaren.

Vediamo insieme questa auto che ha sconvolto la casa automobilistica più conosciuta al mondo e in maniera irrimediabile anche la Storia dell’Automobile. Il frontale si ispira al prototipo Mythos di Pininfarina, quindi inizio anni ’90 e molto italiano. I fari anteriori sono troppo simili a quelli delle McLaren, OK che è una scelta puramente dettata dall’aerodinamica, ma in questo caso avrei adottato una soluzione più in stile Ferrari. Davanti c’è l’ormai famigerata bocca a tasca S-Duct, lanciata sulla 488 Pista e ripoposta sulla F8 Tributo. Lateralmente è subito riconducibile al marchio Ferrari, specialmente nella linea della carrozzeria e nella disposizione delle prese d’aria a fianco delle portiere.

La SF90 Steadale vista di lato è subito riconducibile a una V8 Ferrari.

La SF90 è stata presentata sempre con il tetto di colore contrastante alla carrozzeria, in maniera tale da abbassare otticamente l’altezza dell’auto, un trucco già visto sulla BMW i8. Dietro la ibrida del Cavallino è tutta nuova: ridisegnata completamente con delle linee squadrate molto da concept. Il cofano resta sempre di vetro ed il motore è posizionato quasi incassato così da portare più giù il baricentro. Gli scarichi sono alti per soffiare meglio l’aria ed ingrandire l’estrattore aerodinamico. I tubi di scappamento sembrano quelli di un aereo caccia. I fari posteriori sono sempre i mitici i quattro elementi circolari, ma questa volta restano parzialmente coperti da palpebre di carrozzeria. I tappi del serbatoio sono due però solo in uno entra la benzina, l’altro nasconde la spina elettrica.

Il posteriore della ibrida del Cavallino è al di fuori di ogni schema Ferrari.

L’alettone, frutto di attenti studi aerodinamici non si solleva, ma si apre abbassandosi lasciando così la parte superiore fissa in linea con la carrozzeria. La rivoluzione epocale è rappresentata dal motore termico accoppiato a tre elettrici. Il V8 Ferrari da 3.900 cc ha 780 CV che insieme all’energia delle batterie arriva all’equivalente di 1’000 CV di potenza. Lo scandalo è la possibilità di muoversi in modalità elettrica per 25 Km fino a 135 km/h, un totale controsenso con il nome Ferrari. La trazione è integrale con la ripartizione della spinta posteriore data dal motore termico e anteriore per gli elettrici. Tutto l’insieme ora si chiama Powertrain.

La Ferrari SF90 Stradale con la livrea dell’ Assetto Fiorano.

Dentro rispecchia le V8 Ferrari: il quadro strumenti diventa però tutto digitale, compreso il mitico contagiri che non ha più la lancetta vera. I sedili sono sempre più leggeri, sempre più sottili e sempre più da competizione. Tutta la strumentazione può essere sparata sul vetro davanti agli occhi del pilota per non distogliere gli occhi dalla strada. Il volante è tutto nuovo poiché è un unico schermo 3D touch quindi addio ai pulsanti.

L’interno della SF90 Stradale è totalmente digitale: compresi il volante e il contagiri. Sul tunnel centrale i pulsanti riprendono la griglia del selettore del cambio manuale.

Le modalità di guida del Manettino sono quattro: eD trazione anteriore solo elettrica, H di Hybrid quella preimpostata automaticamente dall’automobile, Performance il motore termico è sempre in funzione per tenere cariche le batterie e Qualify che scarica tutto l’elettrico garantendo i 1’000 CV per un solo giro cronometrato su tutti i circuiti del mondo. Come pacchetto optional si può aggiungere Assetto Fiorano, che fa risparmiare 30 kg e ha dettagli estetici dedicati per la carrozzeria. Giusto per farlo presente il peso è diminuito di 10 Kg levando gli ingranaggi della retromarcia, quindi l’auto si muove indietro solo elettricamente, ricordatevi sempre come parcheggiate la vostra SF90 Stradale.

I dati tecnici fanno rabbrividire: accelerazione 0-100km/h in 2.5 sec e 0-200km/h in appena 6.7 secondi. Potenza: 780 CV e in aggiunta 220 CV. Cosa ne pensate della SF90 Stradale? 

– io non vendo auto, vendo motori. Le auto le aggiungo perchè il motore deve stare da qualche parte.  Enzo Ferrari

Se l’articolo ti è piaciuto condividilo su Facebook e metti like sulla pagina de Il Garage del Faso.

Precedente Salone di Ginevra 2019 seconda parte Successivo Top ten: le auto per la vacanza 2019

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.